Tende da esterno

in
Tenda da esterno

Le tende da esterno: utili in inverno, indispensabili d'estate.

Le tende da esterno devono rivelarsi in grado di svolgere la duplice funzione estetica e di riparo dal sole. Nella scelta della tenda da posizionare in un terrazzo, balcone o giardino, è fondamentale tenere in considerazione l’estetica dell’edificio, al fine di ottenere un risultato il più equilibrato ed armonico possibile.

Inoltre, è necessario ricordare che lo scopo di una tenda da esterno non è mai quello di schermare totalmente o oscurare il sole, bensì di filtrare la luce al fine di ottenere una luminosità ottimale: ecco perché è sconsigliato scegliere tessuti troppo candidi (filtrerebbero una luce dal colore accecante) o troppo scuri (il risultato sarebbe piuttosto cupo).

Vi sono edifici, come ad esempio i condomini, dove è necessario adeguarsi all’estetica del palazzo ed al suo stile architettonico e, per non rovinare l’estetica generale, è necessario adottare uno specifico tipo di tenda e di tessuto.

In tutti gli altri casi, dove non vi siano limitazioni d’altro genere, è possibile sbizzarrirsi sia nella scelta delle forme che dei tessuti e dei colori. Vi sono in commercio diversi tipi di tenda da esterno, con meccaniche e modalità d’uso differenti: tende guidate, a bracci laterali, tunnel, cappottine e cupole. Fanno parte delle tende da esterni anche ombrelloni e gazebi, sistemi indipendenti che non necessitano alcun ancoraggio agli edifici.

Nel parlare delle tende da esterni bisogna anche considerare tutte quelle tende che si applicano esternamente alle finestre: è il caso di eleganti tende in organza o pratiche veneziane che, nelle giornate molto assolate, riparano dal sole regalando piacevoli giochi di luce. Anche le verande possono offrire spunti interessanti per l’applicazione di una tenda da esterno: coprendo i vetri di una veranda con una veneziana o con una tenda a pacchetto è possibile trasformare la veranda in un vero e proprio ambiente da vivere, un piccolo salottino o giardinetto da sfruttare anche l’inverno.

Quanto ai tessuti, il cotone l’ha fatta da padrona per lungo tempo. Ma la sua scarsa resistenza ai raggi UV ed all’umidità hanno spinto i produttori di tende ad abbandonarla per intraprendere nuove strade. Le scelta è quindi caduta sulle fibre sintetiche, come il poliestere, il polipropilene, la fibra acrilica e le tele microperforate.

Il poliestere è un tessuto molto resistente, che trova largo impiego nell’abbigliamento. Se utilizzata all’esterno non ha lunga vita, in quanto è sensibile ai raggi UV e va sostituita di tanto in tanto.

Il polipropilene è una fibra sintetica più economica, ma anch’essa si deteriora sotto l’azione dei raggi UV, subendo notevoli danni a livello di colore. A livello estetico una tenda in polipropilene si rivela un po’ rigida.

La fibra acrilica è un’ottimo tessuto per tende da esterni, per il suo elevato potere isolante e per la resistenza dei colori, che non ne costituiscono una patina superficiale, bensì la impregnano. Le tele microperforate sono tele particolari, risultanti da un singolare abbinamento tra fibre sintetiche e tessuti tecnici. Le tele microperforate vengono utilizzate largamente per tende verticali o verande.

Quanto all’igiene delle tende da esterno, esse vanno spolverate con una spazzola morbida, lavate delicatamente con acqua saponata e risciacquate con cura.