Gazebo in legno

Gazebo in legno

Quadrati, tondi o rettangolari, offrono ristoro in un contesto prestigioso.

La soluzione più classica ed elegante: il legno è leggero, resistente ed è il materiale tradizionale per questi elementi esterni d'arredo, che vanno opportunamente trattati per resistere alle intemperie.

Appassionati e specialisti del settore non hanno dubbi: tra tutti i modelli di gazebo, quello in legno garantisce la migliore resa estetica e assicura eleganza, prestigio e quel tocco di classicità che non guasta mai nel terrazzo o nel giardino che vuole distinguersi.

A differenza delle più economiche materie plastiche e del metallo, più robusto ma meno personalizzabile, il legno è il materiale della tradizione e per la sua stessa natura si sposa a meraviglia con gli alberi e i fiori di uno spazio verde, risultando così non una struttura estranea ma quasi un prolungamento delle piante che lo circondano e lo completano.

Naturalmente, particolari accorgimenti vanno seguiti nel scegliere l'essenza giusta e nel provvedere alla verniciatura e alla protezione della struttura: il gazebo è il mobile da esterni per eccellenza, e per questo motivo sottovalutare l'importanza della resistenza di uno specifico tipo di legno alle intemperie potrebbe causare eccessivi costi di manutenzione o, peggio, di sostituzione di intere parti.

Le essenze migliori

I legni più usati nel realizzare i gazebo sono il pino nordico, il teak e il castagno. Pioggia e sole sono i nemici numero uno di questi elementi d'arredo: la prima può gonfiare e far marcire il legno che non viene trattato con le apposite vernici, mentre il secondo fa sbiadire il colore; inoltre, in zone di eccessiva umidità possono formarsi muffe e parassiti. E bene dunque che tutte le parti del gazebo, anche quelle che non sono a diretto contatto con gli agenti atmosferici, vengano trattati con gli appositi prodotti in commercio, atossici e assolutamente sicuri da applicare, anche nelle "seconde mani" dopo qualche anno di utilizzo.

Forme e dimensioni

Le forme del gazebo di legno sono quelle più classiche: soprattutto quadrangolari, quindi, con quadrati e rettangoli che la fanno da padrone. Mentre il quadrato viene scelto soprattutto per il gazebo "da riposo", quello che troneggia al centro del parco o del giardino e può essere anche di dimensioni più ridotte, il gazebo al di sotto del quale vengono consumati i pasti è di solito rettangolare per ospitare tavoli anche estesi. La forma circolare è oggi un po' passata di moda ma può dare un tocco retrò e da giardino inglese. Il modello di tetto più scelto è quello a spiovente, per un corretto defluire dell'acqua piovana.

Pareti o coperture removibili in tela

Infine, quando si decide di acquistare un gazebo è necessario decidere la presenza o meno di pareti, su uno o più lati della struttura. Naturalmente il prezzo varia di conseguenza. In zone particolarmente ventose o fredde, o dove si voglia installare un qualche tipo di riscaldamento autonomo, le pareti sono praticamente un obbligo; se si vuole mantenere un po' di elasticità, soprattutto quando il gazebo è utilizzato sia d'estate che in primavera o in autunno, o perfino d'inverno, la soluzione ideale è rappresentata dalle coperture removibili, come quelle il poliestere antistrappo o in tela impermeabile.